creativo collettivo urbano

giovedì 15 settembre 2011

Leo

la morte... è un tabù.
Precisamente la tua morte è il mio tabù.
Non la mia, perchè forse alla propria fine non ci si crede mai fino in fondo.
Se ci penso la tua scomparsa è stata l'atto di nascita della mia coscienza, eppure spesso preferisco non nominarla, addirittura rinnegarla. Forse perchè per me tu ci sei, esisti ancora, dentro confuso nella mia anima, e nelle mie aspirazioni accese, quelle più vere, profonde e pure.
Ti sei fuso ormai con l'ideale di una "lotta" e di una ricerca che spero non mi abbandonerà mai. Anche se a volte arranco, perdendo il contatto con questo fuoco che gira, in fondo al petto...
Sei l'assenza, e anche il suo silenzio, la malinconia e la trama rigata delle parole non dette. Ma sei anche l'inesausto splendore di uno sguardo sempre vigile, e giovane.
Forse ti tengo così nascosto perchè temo di sprecare ricordi, e così di perderti.
Non lo so, ma come di tutti i tabù, anch'io mi vergogno di questo, e allora aumento i debiti contratti con te, sperando nel giorno in cui ti renderò tutto il dovuto come una scheggia lucente della mia esistenza, uno specchio di questa nostra, vita in comune.

Nessun commento:

Posta un commento

Lettori fissi

Informazioni personali

La mia foto
gruppo di ricerca costituitosi nel 2007 dentro il Pim di Milano, non ancora convintosi della sua imprescindibile importanza storica.